in Natura: il nuovo numero è in edicola

 

Continua il nostro viaggio nella bellezza e nella fragilità della natura. Alla ricerca di emozioni e di modelli di produzione e consumo consapevoli e compatibili.

Vi aspettiamo in edicola

In questo numero: 

 

 INTUIZIONI: Thomas Stearns Eliot

 

La prima rubrica della rivista. Una frase, poetica ma con preciso significato ambientalista, campeggia sulla copertina. Alle pagine 6 e 7, grande foto con breve biografia dell’autore.

 

 

UN MANAGER IN GIARDINO:  La joie de vivre

 

Natura e amicizia, due dei più grandi piaceri della vita: si possono ritrovare prendendoci cura del nostro terreno. Un hobby da seguire con la voglia di godersela un po’.

 

ANIMA MUNDI: Passeggiando con i Gelada sui monti Simien

Il fotografo Simone Sbaraglia (il più premiato fotografo naturalista italiano) scrive e fotografa i babbuini Gelada (Theropithecus gelada). Vive soltanto sugli altopiani pietrosi dell’Etiopia fra i 4000 e i 5000 metri di altitudine ed è classificato come LeastConcern, cioè declino preoccupante nella lista della IUCN. I Gelada, insieme agli esseri umani, sono i primati più terricoli del mondo. Si cibano principalmented’erba e sono considerati gli ultimi esemplari viventi delle antiche scimmie che abitavano le praterie.

TEORIE E PERCORSI: Ecopedagogia. Natura, gioco e spiritualità

 

L’attività spontanea dei bambini, il gioco e l’immaginazione hanno bisogno della natura, di un intimo contatto con l’ambiente naturale per crescere e svilupparsi. Il bambino si sente parte dell’universo: l’amore e il rispetto per la natura sono impulsi che nascono dall’interno, bisogni primari che vanno soddisfatti.

 

RICERCHE: Caretta caretta, il suo futuro è nelle nostre mani

 

La natura più bella e fragile e l’intervento umano.

Il misterioso percorso a ostacoli delle tartarughe femmine per la deposizione delle uova indagato dalle università di Pisa e di Calabria

 

VISIONI: Le infinte forme della vita

 

Manifesto in difesa della diversità biologica e umana. Per comprendere che le varietà di vita che popolano il pianeta servono a mantenere le condizioni che permettono la vita stessa.

 

 

ITINERARI: Azzorre: viaggio con le balene

 

A Pico, tra mitici cetacei e fringuelli, nell’arcipelago dalla natura esuberante. Un luogo laboratorio dove dare un senso alla propria vita. Ma l’astore, l’uccello che ha dato il nome all’arcipelago, non abita qui

 

IL LATO OSCURO: Contro la morsa dei reati ambientali

 

Dalla Legge Ecoreati 2015 al rapporto Ecomafia 2017 di Legambiente: un’evoluzione positiva della situazione, ma ancora troppe regioni hanno illeciti in crescita. E occorre rifinanziare l’attività di salvaguardia.

 

RICERCA E PREVENZIONE: 2050, in mare pescheremo plastica

 

Otto milioni di tonnellate di rifiuti ogni anno entrano negli oceani e nei mari di tutto il mondo sono dovuti alla cattiva gestione delle scorie a esserne danneggiati sono l’ambiente e gli animali marini

 

 

BUONE PRATICHE: la musica dell’orto

 

L’agricoltura partecipata è una soluzione per coniugare natura, genuinità dei prodotti, economia solidale, aggregazione sociale e partecipazione attiva. L’iniziativa all’Auditorium di Roma

 

 

NATURA E SALUTE: Il gioco dell’uva

È uno dei frutti più raccomandati da tutti gli specialisti della salute. Ogni sua parte possiede qualità curative: foglie, succo, bucce e anche la linfa del fusto. È utile contro emorragie, diarree, gotta, mal di testa, malattie cutanee e oftalmiche. E ancora: edemi, herpes,reumatismi…In più la vite rossa aiuta la circolazione. Ma tutto senza esagerare.

 

ESPERIENZE: Pane fatto in casa, che passione!

 

Usare grani antichi e lievito madre nella panificazione casalinga: un’esperienza all’insegna della genuinità
e dell’integrità naturale che si trasforma in prodotti buoni, di qualità e salutari

 

 

LUOGHI DA VIVERE: Il Baldo, baciato dalla fortuna

Dire Baldo significa parlare di una montagna che si trova in una delle aree più belle d’Europa, in cui al privilegio di trovarsi alle medie latitudini di un emisfero, si aggiunge l’immensa fortuna di un microclima
controllato dalla presenza del Garda, che fa sì che lungo le pendici di questo monte, dentro le sue valli e i suoi circhi, si possano trovare, vedendoli sfumare l’uno nell’altro, tutti i climi che possiamo trovare nel nostro continente.

 

PERCORSI: Correre in montagna, avvicinare la natura

 

Di corsa lungo la via degli Dei. Lo spirito è guardarsi intorno, imparare a distinguere alberi e rocce, passare dalla padronanza del proprio corpo alla conoscenza di geologia, flora, fauna

 

INSETTI PREDATORI: Cavallette. Un flagello biblico nel piatto.

L’immagine funesta delle cavallette portatrici di distruzione e carestia è fortemente impressa nella memoria di molti popoli. Gli sciami di locuste sono così dannosi perché polifaghe, si nutrono di differenti specie vegetali, ne mangiano non solo le foglie ma anche i frutti, i germogli e i semi, radendo al suolo intere piantagioni.In molti paesi africani ed asiatici le cavallette/locuste sono sì una piaga ma anche una risorsa: dei tempi, i pastori e i contadini hanno saputo convivere con la calamità naturale nel modo più semplice cioè cibandosene nei periodi di carestia.

COESISTENZE:  Humpty e altre storie

Il salvataggio di un piccolo ippopotamo intrappolato in uno stagno fangoso gremito di pesci gatto, nel bel mezzo della savana nei pressi di Kiunga, sulla costa nord del Kenya, tra l’antico porto di Lamu e il confine
con la Somalia. Il cucciolo era tenuto sotto osservazione da alcuni giorni per  accertarsi che fosse un orfano. Quando ormai era evidente che senza alcun intervento sarebbe morto, ecco che il Centro recupero wildlife fa scattare la sua task force.

LE VIE DEL VINO:  I segreti del Collio

 

La geologia e l’esposizione del territorio caratterizzano la natura dei suoi vini. Li scopriamo attraverso l’esperienza di Alexis ed Evangelos Paraschos

A cura di Porthos, una redazione e una scuola enologica tra le più quotate in Italia

 

PERCORSI&OBIETTIVI: Cibo sicuro, sostenibile, senza eccedere

 

In occasione del World Food Summit del 1996, la Fao arrivò alla definizione di sicurezza alimentare. Essa esiste quando ciascun individuo, in ogni momento, ha accesso a una quantità di cibo sufficiente, sicuro e nutriente in modo da soddisfare i bisogni dietetici e le preferenze alimentari per garantire una vita sana e attiva.

 

ESPERIENZE: il condominio delle Taccole

La rocca del Brunelleschi, a Vicopisano, diventa l’abitazione di Taccole, Colombi e Gheppi. Un’osservazione dal vivo. Un tempo sede di guerrieri pronti ad immolarsi per la difesa del casato, la Torre è diventata un vero e proprio condominio di Taccole (Corvus monedula), vociferi corvidi, resi famosi dal celebre libro dell’etologo Konrad Lorenz, L’Anello di Re Salomone, nel quale lo scienziato
descrive con uno stile rigoroso e ironico la complessa organizzazione sociale che vige nelle colonie di questi uccelli, chiassosi animatori dei borghi italici.

 

SCHEDE STAGIONALI: Prataiolo, Falso Chiodino, Pioppo, Falsa Ortica

 

quattro schede, di due pagine ognuna, che trattano di alberi, erbe e funghi

 

 

PER BOSCHI E PER PRATI: Morfologia dei funghi, anello e volva

Rubrica che illustra e spiega le parti delle piante e dei funghi.

Anello e Volva, essere presenti entrambe, apparire singolarmente o essere assenti; non sono però decorazioni fini a se stesse ma si tratta di residui di elementi, i veli, che fin dallo stato embrionale proteggono i funghi.

 

APPUNTAMENTI: Cosa, dove, quando

Lascia un commento

Vai alla barra degli strumenti