in Natura: il nuovo numero è in edicola

 

Continua il nostro viaggio nella bellezza e nella fragilità della natura. Alla ricerca di emozioni e di modelli di produzione e consumo consapevoli e compatibili.

Da oggi in edicola il nuovo numero di inNatura.  In copertina una foto di Simone Sbaraglia, scattata nel Parco Nazionale di Bialowieza in Polonia.  All’interno tanti articoli bellissimi ci accompagneranno nell’esplorazione del nostro ambiente, tra progetti che proseguono il loro cammino e nuovi interrogativi che si aprono e a cui cercheremo di dare una risposta col vostro aiuto.  La nostra sfida continua.

Vi aspettiamo

In questo numero: 

Diario d’Africa 

 

Un percorso ricco di suggestioni: dagli alberi spettrali del Deadvlei, al ‘fumo che tuona’ sullo Zambesi; dalle pianure del Savuti al cratere del Ngorongoro. L’Africa dei grandi scenari, fotografati da Marco Gaiotti, in un bellissimo racconto della nostra Liliana Adamo.

 

Perché amiamo contemplare la natura

 

L’uomo è predisposto biologicamente a cercare il contatto con le forme naturali anche se le nostre società ormai artefatte ci allontanano da esse.  A colloquio con Giuseppe Barbiero, in un’intervista di Marco Melillo.

 

Bialowieza, l’ultimo rifugio del Bisonte Europeo

 

Il più grande animale terrestre residente in Europa, minacciato dal disboscamento della foresta, dichiarata Patrimonio Unesco e Riserva della Biosfera.  Un racconto suggestivo di Francesca Bongarzoni attraverso gli straordinari scatti di Simone Sbaraglia.

Apicoltura urbana

Quanti di noi tirano un sospiro di sollievo dopo aver udito allontanarsi il ronzio di un qualche imprecisato insetto? Ecco uno dei pericoli che crediamo di dover esorcizzare: quello della temibile ape, spesso confusa con altri insetti come vespa o calabrone. L’ape è sempre stata vicina all’uomo e non l’ha abbandonato neppure nelle città.  I cittadini che installano arnie presso le loro abitazioni cittadine sono sempre di più.  Ce ne parla Daniele Cangioli.

 

Melagrana, il pomo vestito a festa

 

Citata dalla mitologia più antica, raffigurata nell’arte pagana e in quella cristiana, è il simbolo dell’eterno ciclo della Grande Madre. Alcune delle sue importanti proprietà benefiche: astringenti, anti-ossidanti, ricche di vitamina C, combatte il colesterolo cattivo.  Clara Litti su inNatura.

 

 

La natura unica dell’Altai

 

Ghiacciai, leopardi, deserti e montagne esaltano lo sguardo e il senso di spazio che circonda chi si immerge nell’Altai, l’ombelico dell’Asia.  Questo straordinario territorio è incubatore di culture, imbuto di confluenza di specie animali e popoli, riserva di peculiarità biologiche. Testo e foto di Roberto Cazzolla Gatti.

 

 

I fantasmi del bosco

 

Gli insetti stecco si rendono indistinguibili dal loro habitat o si trasformano per cercare cibo o sicurezza. Si muovono con leggerezza e possiedono una bellezza fuori del comune.  Testo e foto di Susy Toma.

 

 

Il Pungitopo

 

Il suo nome latino è RuscusAculeatus L.  Il termine ruscus deriva dal latino rusticus, cioè ‘delle campagne’ perché i contadini ne usavano le fronde pungenti per proteggere le vivande dai topi: da questa abitudine deriva il nome volgare ‘pungitopo’. A cura di Amint.

 

 

Piccoli rifiuti, grandi danni

 

Una ricerca dell’Università di Torino, mette in luce interessanti aspetti legati al ‘littering’ e aiuta a pensare come contrastarlo. Si tratta  dell’abbandono, deliberato o involontario di rifiuti di piccole dimensioni in spazi pubblici o aperti all’utilizzo pubblico.  Con conseguenze impensabili per l’ambiente.  Il resoconto di una ricerca molto importante. Di Roberto Cavallo, Francesco Rasero, Emanuela Rosio e Francesca Davoli

 

Il melo sulla mappa del cuore

Lo scambio di semi tra contadini ha consentito la sopravvivenza di prodotti preziosi ma quasi dimenticati. Nel 1998 una direttiva europea considerò lo scambio e la commercializzazione delle sementi una pratica riservata solo alle aziende sementiere e vietata ai contadini.  Una regola che proibiva ai contadini di fare quello che avevano sempre fatto.  Nacquero gruppi informali di contadini che protestavano apertamente promuovendo lo scambio di semi in piazza: disobbedienza civile organizzata. Simona Ugolotti ci racconta la lunga lotta che, tra ostacoli e difficoltà, ha avuto poi un lieto fine

 

Acqua

 

Inquinamento e cambiamento climatico minacciano la disponibilità di acqua dolce.  Al summit ‘Acqua e Clima’ i responsabili dei bacini fluviali e lacustri più grandi del mondo discutono di come salvare le risorse idriche del Pianeta.  Ce ne parla Francesca Sirico.

Facciamo un wrap up

 

Riflettiamo un po’ con Giancarlo Cotone, il nostro Manager in Gardino, su ciò che abbiamo portato avanti finora, nei numeri precedenti.  Per fissare linee guida importanti, riconoscere i veri insegnamenti e acquisire maggiore consapevolezza.

 

 

SCHEDE STAGIONALI: Il tartufo nero, il tricholoma tigrato, il Gliophorus psittacinus un fungo coloratissimo.
PER BOSCHI E PER PRATI: La carne dei funghi
E molto altro….

Lascia un commento

Vai alla barra degli strumenti