Stessa crisi. Clima e biodiversità

0
4846

Stessa crisi. Clima e biodiversità

Di Rosario Mascia

La crisi climatica e la crisi della biodiversità sono legate. Gli ecosistemi naturali svolgano un ruolo importante nella regolazione del clima e possano contribuire a sequestrare e immagazzinare il carbonio. Non c’è un modo praticabile per limitare il riscaldamento globale a 1,5°C senza proteggere urgentemente la natura

Non possiamo raggiungere l’obiettivo di mantenere l’aumento della temperatura terrestre a non più di 1,5 gradi Celsius se non prestiamo attenzione alla cura della natura.

Sebbene per molti anni la crisi climatica e la crisi della biodiversità siano state trattate come questioni separate, la realtà – come è stato chiarito mercoledì alla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP27) – è che non c’è un modo praticabile per limitare il riscaldamento globale a 1,5°C senza proteggere urgentemente la natura.

“Dobbiamo considerare entrambe le cose sulla stessa lunghezza d’onda, non una sopra l’altra”, ha dichiarato a UN News Elizabeth Mrema, segretaria esecutiva della Convenzione ONU sulla Diversità Biologica (CBD), lo strumento giuridico internazionale per la protezione della biodiversità del pianeta ratificato da 196 nazioni.

La “Giornata della biodiversità” alla COP27 di Sharm el-Sheikh precede di appena due settimane la riunione di alto livello degli Stati parte della Convenzione a Montreal, che mira a invertire la perdita di biodiversità.

Quattro dei principali artefici dell’Accordo di Parigi, tra cui l’ex capo delle Nazioni Unite per i cambiamenti climatici Christiana Figueres, hanno ufficialmente invitato i leader mondiali a raggiungere un accordo globale “ambizioso e trasformativo” sulla biodiversità durante l’incontro.

“Solo adottando misure urgenti per arrestare e invertire la perdita di natura in questo decennio, continuando a intensificare gli sforzi per una rapida decarbonizzazione delle nostre economie, possiamo sperare di mantenere la promessa dell’Accordo di Parigi”, hanno dichiarato in un comunicato.

Ecosistemi e regolazione del clima

Il Programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente (UNEP) spiega che la perdita di biodiversità sta già avendo un forte impatto sul cambiamento climatico regionale e globale.

Sebbene gli ecosistemi naturali svolgano un ruolo importante nella regolazione del clima e possano contribuire a sequestrare e immagazzinare il carbonio, la perdita di foreste, il prosciugamento delle zone umide e altri tipi di degrado ambientale hanno contribuito in modo significativo al cambiamento climatico.

Secondo l’agenzia, gli sforzi per ridurre la deforestazione e il degrado forestale e ripristinare gli ecosistemi, ad esempio, potrebbero contribuire a ridurre le emissioni annuali di gas serra.

“Se investiamo nella natura e nelle sue infrastrutture, le foreste, le barriere coralline, le mangrovie, le foreste costiere, ci proteggeranno dalle grandi tempeste, forniranno un habitat per le specie e immagazzineranno anche il carbonio”, ha dichiarato Inger Andersen, direttore esecutivo del programma ONU, a UN News.

Allo stesso tempo, la biodiversità è colpita da eventi climatici e temperature estreme, soprattutto nei Paesi in via di sviluppo, a causa delle limitate risorse disponibili per proteggerla. Questo dato è preoccupante, poiché 15 dei 17 Paesi con la maggiore biodiversità si trovano nel Sud del mondo.

Gli effetti del cambiamento climatico sulla biodiversità sono già visibili, in particolare con molte specie animali già costrette a cambiare i loro modelli di migrazione, con le piante che lottano per adattarsi ai cambiamenti di temperatura e, naturalmente, con gli orsi polari gravemente vulnerabili – gli “animali manifesto” del riscaldamento globale – che muoiono di fame al Polo Nord a causa della mancanza di ghiaccio marino in un mondo che si riscalda.

Salvare le barriere coralline

Nell’oceano, i biologi stanno assistendo a un’altra tragedia: le barriere coralline, che forniscono cibo e riparo a oltre 7000 specie, stanno morendo a causa del riscaldamento e dell’acidificazione degli oceani.

L’ambasciatrice del Programma per l’Ambiente la cantautrice Ellie Goulding ha lanciato una nuova iniziativa per proteggere questi animali coloniali e la scorsa settimana ha guidato una spedizione nel Mar Rosso, al largo della costa di Sharm el-Sheikh.

“C’è una grande bellezza visiva. Quando si passa con la maschera e si assiste a questa brillante cornucopia di vita marina, si ha la sensazione che tutta la vita stia nuotando davanti ai propri occhi. E mi ha ricordato che il corallo copre solo una piccola percentuale del fondo marino, ma supporta un quarto di tutte le specie marine conosciute”, ha detto mercoledì a un gruppo di esperti.

Goulding ha ricordato ai partecipanti che anche con un riscaldamento di 1,5 gradi, il 70-90% di tutte le barriere coralline andrà perduto; questa cifra sale a un preoccupante 99% se il pianeta si riscalda di 2,0 gradi.

“È una delle barriere coralline più resistenti al clima del mondo e si dà il caso che si trovi proprio qui, ai suoi piedi, a Sharm el-Sheikh. E non si tratta di una barriera corallina qualsiasi. È uno dei grandi sopravvissuti della natura e potrebbe essere la chiave per rigenerare altre barriere coralline in futuro”, ha spiegato.

La cantautrice ha definito “offensivo” il fatto che meno dello 0,01% dei finanziamenti per il clima sia destinato alla protezione delle barriere coralline.

“Invito la comunità globale dei leader a riconoscere che le barriere coralline sono uno dei nostri più grandi patrimoni collettivi e a diventare seri, ambiziosi e competitivi in materia di finanziamenti, ripristino e protezione”, ha dichiarato.