How to Change Everything, Naomi Klein e le sue “munizioni per gli attivisti”

0
2827

How to Change Everything, il nuovo libro di Naomi Klein e le sue “munizioni per gli attivisti”

di Rosario Mascia

“How to Change Everything” è il nuovo libro di Naomi Klein, un lavoro che si inserisce in quelli che lei definisce “munizioni per attivisti”, da utilizzare sempre e ovunque per le campagne di mobilitazione internazionali. Un’opera alla quale ha lavorato negli ultimi due anni, dopo “Il  mondo in fiamme: contro il capitalismo per salvare il clima che è ancora un punto di riferimento per tutte le e i giovani attiviste/i per il clima che sono scese/i in piazza in questi ultimi due anni.

Questa volta Naomi Klein ha voluto raccontare i suoi incontri con i giovani gruppi di azione per il clima in giro per il mondo. L’ispirazione per questo suo primo libro scritto appositamente per le e i giovani, spiega nelle prime pagine del libro, le è venuta durante le presentazioni sul territorio, quando l’associazione Sunrise Movement la seguiva organizzando un tavolo ad ogni evento, con petizioni e azioni, in modo che il pubblico potesse diventare attivista, proprio lì. Quando fu il turno di Paolo Alto, con sua grande sorpresa scoprì che il contatto del Sunrise Movement, che aveva  sopra visionando l’operazione era una tredicenne, che organizzava il tutto tra le sue classi.

I tre fuochi del mondo

Naomi Klein spiega ai suoi lettori sempre più precoci che ci sono tre fuochi nel mondo oggi: il cambiamento climatico, la rabbia crescente legata alla paura e ai sentimenti anti-immigrati e i giovani. Questo terzo incendio potrebbe salvarci tutti. “Più scintille ha il fuoco, più luminoso brucerà”, scrive. “Ti invito ad aggiungere la tua scintilla.”

Il libro è un vero e proprio manuale, come evidenzia il sottotitolo: “La guida dei giovani per proteggere il pianeta e le persone”

Ma nessuno pensi che in questa ulteriore impresa lei si presenti come didattica, tuttaltro. Lo scopo e la voglia è imparare dai giovani. Naomi Klein spiega che i social media rendono “infinitamente più difficile” per i giovani attivisti oggi rispetto a quando ha sperimentato il successo “incredibilmente travolgente” di No Logo nel 1999.

Alexandria Ocasio-Cortez e gli altri giovani

“Quando guardo Alexandria Ocasio-Cortez e Ilhan Omar e questa nuova generazione di leader politici, non so come facciano a far fronte a quella quantità di input, sia positivi che negativi, e mantengano comunque il loro centro. Ma ci riescono. ” In parte, spiega, è perché i leader giovanili “si danno le spalle a vicenda”. E cita l’esempio di Disha Ravi, la 22enne attivista di Fridays for Future in India, che è stata arrestata e accusata di sedizione e associazione a delinquere. “Una delle cose più sorprendenti è il modo in cui il movimento Fridays for Future si è radunato a livello globale intorno a lei“, afferma Klein. “Hanno tessuto questa incredibile rete veramente internazionale di bambini e giovani adulti. Francamente, il suo internazionalismo fa vergognare il movimento per il clima degli adulti “.

La visione dell’attivismo di Klein è stata cambiata anche dalle parole di un altra giovane attivista, Tokata Iron Eyes.  che aveva solo 13 anni quando si sono incontrate per la prima volta a Standing Rock in Dakota. “Mi sento come se avessi indietro il mio futuro”, ha detto Tokata quando la sua comunità Sioux ha vinto la sua prima battaglia contro un oleodotto che minacciava il loro approvvigionamento idrico.

Riguarda il diritto a un futuro

“Questo è ciò per cui le persone stanno combattendo: il loro diritto al futuro“, afferma Klein. “Ed è un diritto così profondo. Questo ha riallineato gran parte della mia scrittura. Riguarda il diritto a un futuro”.

Klein e tutti noi con un’infanzia degli anni ’60, ’70 o ’80, siamo cresciuti con il terrore della guerra nucleare. Molte persone, inclusa la famiglia di Klein, hanno protestato contro le armi nucleari che non consentivano un futuro possibile. Gli studenti universitari statunitensi che sono stati arruolati per la guerra del Vietnam sentivano che anche il loro futuro immediato fosse in pericolo, dice Klein, ma lei crede che i giovani di oggi si sentano profondamente “non protetti” – non a causa di incidenti o errori, ma per il normale funzionamento della politica e sistema economico: “Sono cresciuta con la paura nucleare rispetto alla possibilità che qualcosa andasse storto, qualcuno avrebbe potuto premere un pulsante e noi saremmo stati in pericolo. Adesso invece, considero che con la crisi climatica, è il sistema letteralmente a continuare a fare affari come al solito e che ci porta al collasso. Il sistema stesso è un guasto. Il sistema stesso deve cambiare. E questo è ciò che si sta radicalizzando “.

Nessun tono incendiaro

Al contrario di quello che si potrebbe presupporre, How to Change Everything non ha un tono incendiario, ma un’esposizione calma e dettagliata della crisi climatica e di cosa possiamo fare al riguardo. Gli adulti lo troveranno un’utile guida quando la nostra comprensione dell’importanza della giustizia climatica o delle carenze della cattura e dello stoccaggio del carbonio verrà meno.

Noemi Klein nel suo libro spiega che l’attivismo può essere unicamente giovane oggi, ma visto che le persone più anziane, quelle della nostra età per intenderci, hanno visto più generazioni di rivolte giovanili non riuscire a intaccare il capitalismo globale, come possono oggi i giovani cambiare tutto? “Non sto dicendo che dovrebbero farlo da soli”, spiega lei. “Abbiamo bisogno di un movimento di massa, intergenerazionale. I giovani attivisti non condividono questa idea che il loro lavoro sia dare speranza alle persone anziane. Il fatto che stiano sacrificando così tanto della loro infanzia facendo ciò che non dovrebbero fare è una ragione in più per le generazioni più anziane per fare di più e lasciare loro la leadership“.

Greta Thunberg: basta con il blah blah blah

E’ ovvio che anche Greta Thunberg sia presente in How to Change Everything. “La considero la stella polare in tanti modi, perché è così poco spaventata dal parlare”, dice Klein. “Ora che Trump è fuori carica, ci sono molti politici che dicono la cosa giusta. Ma io penso solo a Greta e al suo “basta con il blah blah blah” – come ha detto a Davos – OK, mostrami il carbonio. O la mancanza di esso. ”

Ciò che la pandemia è cambiata, scrive Klein, è la nostra comprensione di come rispondere a un’emergenza. Quando i movimenti giovanili hanno chiesto che il cambiamento climatico fosse trattato come un’emergenza, i governi hanno risposto con belle parole ma con poca urgenza. “La grande differenza dopo Covid è che ora sappiamo cosa significa trattare un’emergenza come un’emergenza. Abbiamo visto tutti i nostri governi farloPossono cambiare radicalmente le cose dall’oggi al domani. E questo non è qualcosa che quelli di noi nati dopo la seconda guerra mondiale avevano sperimentato. Le nostre aspettative e la nostra capacità di distinguere tra il solo parlare e il cambiamento effettivo sono aumentate. E la pressione sarà ancora maggiore sui leader politici “.