Procedura d’Infrazione: la Commissione Europea Interviene sulla Legge Venatoria italiana

0
5828

Procedura d’Infrazione: la Commissione Europea Interviene sulla Legge Venatoria italiana

Di Daniele Durso

La Commissione Europea ha messo sotto esame specifiche disposizioni della legge di bilancio n. 197/2022 sollevando preoccupazioni significative in materia venatoria. I punti contestati riguardano i commi 447 e 448 dell’articolo 1 che concedono alle Regioni l’autorità di gestire e autorizzare piani di controllo numerico delle specie di fauna selvatica, anche nelle aree dove la caccia è normalmente vietata, come le zone protette, e nei periodi di divieto di caccia

 

Queste disposizioni, secondo la Commissione Europea, introducono un’incertezza giuridica e contraddicono le Direttive europee sugli Uccelli e sugli Habitat. L’Organizzazione Internazionale Protezione Animali (Oipa) ha evidenziato che tali norme potrebbero portare a una caccia indiscriminata e aumentare i rischi per la sicurezza pubblica, con possibili incidenti che coinvolgono sia cacciatori che civili.

In risposta alle osservazioni della Commissione, che ha chiuso la procedura Pilot, l’Italia rischia ora l’avvio di una procedura d’infrazione se non modificherà la normativa in questione. Tale procedura potrebbe comportare per l’Italia una sanzione di circa 8 mila euro al giorno, fino all’adeguamento alle norme europee per la tutela dell’ambiente e della biodiversità.

Il Ministero per gli Affari europei ha sollecitato un’azione,  per prevenire l’avvio della procedura d’infrazione, ai Ministeri dell’Ambiente e dell’Agricoltura, . L’Oipa, nel frattempo, esorta i ministeri a intervenire rapidamente per evitare ulteriori ripercussioni e per rivedere le norme che trasformano l’Italia in un “scenario da Far West”.

Il caso solleva questioni importanti riguardo al bilanciamento tra la gestione locale della fauna selvatica e le normative ambientali europee, evidenziando la necessità di un approccio più sostenibile e rispettoso della biodiversità. La situazione è ancora in evoluzione, con gli occhi puntati sulle prossime mosse del governo italiano.