Un simpatico bestiario

0
6121
illustrazione di Vannini

Un simpatico bestiario

In ogni animale che incrocia il nostro cammino c’è una storia d’amore, perdita e insegnamento che merita di essere ricordata. Nel suo libro Bestia sarà lei, Alex Vannini ce ne racconta qualcuna

di Marco Melillo

Nel tessuto della vita quotidiana, gli animali possono diventare fili di connessione emotiva, spesso intrecciati così profondamente nei nostri cuori da diventare parte integrante della nostra esistenza. A chi come me ha avuto la fortuna di condividere il proprio cammino con creature di varie specie (due cani, una quaglia, una tortora, tre gatti e un riccio), piacerà sicuramente il libro di Alex Vannini Bestia sarà lei, Ali&no Editrice.

RUMORE E SILENZIO

Si raccontano gli incontri che l’autore (architetto e illustratore) ha avuto con gli animali della sua vita, sulla scia di quei grandi scrittori e poeti che hanno saputo catturare l’essenza di queste relazioni uniche. Si pensi a Colette, che nei suoi scritti ha spesso esplorato la profondità del legame tra umani e animali o a Pablo Neruda, che nel suo “Ode al gatto” riflette sul misterioso spirito dei felini, compagni silenziosi ma profondamente compresi. Purtroppo gli animali che amiamo hanno il difetto di vivere poco, a meno che non scegliamo come compagna una tartaruga, e di farci soffrire quando ci abbandonano.

La perdita di questi compagni di viaggio ci lascia un vuoto immenso, un silenzio improvviso nel rumore della vita quotidiana. Virginia Woolf, riferendosi alla morte del cane Flush, il cocker spaniel protagonista del suo libro, scrive: “Egli viveva intensamente e ora che è partito, sembra che un’ombra si sia posata sul mondo“. Queste parole risuonano con la stessa intensità per chiunque abbia amato e perso un animale: è un riconoscimento del dolore che deriva dalla loro assenza, ma anche del privilegio di aver condiviso un tratto di strada insieme.

RICORDI

La narrazione di Vannini si snoda attraverso i ricordi di un barboncino compagno di culla, un cane scalcinato, una farfalla ubriacona, un topolino amichevole, un tacchino marines e naturalmente gatti, riflettendo su come questi incontri abbiano arricchito la sua vita, donandogli momenti di pura gioia, comprensione silenziosa e talvolta lezioni inaspettate.

Tra i 14 racconti contenuti nel libro, troviamo anche dei quadretti spiritosi come una colonia di lucertole golose, che si avventurano alla ricerca del banchetto succulento, ragni che fanno l’occhiolino, intessendo trame di simpatica complicità con l’autore e falchetti che tirano tardi la sera. Questi racconti, ricchi di humor e di una leggerezza quasi fiabesca, si contrappongono alle narrazioni più serie e profonde presenti nella raccolta, creando un buon equilibrio che cattura l’interesse del lettore e lo guida attraverso un’ampia gamma di emozioni e riflessioni.

Il libro è arricchito anche da diverse illustrazioni realizzate dall’autore che ci introducono in un surreale universo animalesco, offrendoci una visione unica e personale della natura e dei suoi abitanti.

L’AMORE CHE INSEGNA

In conclusione, la lettura di “Bestia sarà lei” non è solo un viaggio attraverso i ricordi e i legami formati con gli animali nella vita dell’autore, ma serve anche come promemoria dell’impatto che questi piccoli amici hanno sul nostro cuore e sulla nostra anima. Ci incoraggia a riflettere sulle parole di Jack London: “Non posso pensare a una sola gioia, a una sola soddisfazione, a un solo piacere consolante, che un uomo possa estrarre dalla vita del deserto, se gli manca l’amore di un cane“. In ogni animale che incrocia il nostro cammino, c’è una storia d’amore, perdita e insegnamento che merita di essere raccontata e ricordata. Passiamo ai titoli di coda con i nomi dei protagonisti: Lola, Takky, Marat, Martinska, Bolla, Clyde, Dinga, i personaggi che animano le pagine di questa avventura narrativa con le loro incredibili storie. Per scoprire che animali si celano dietro questi nomi e quali sorprendenti avventure li attendono, l’unico modo è immergersi nella lettura del libro