Joseph Beuys. Un artista tra ambiente e visione

0
4763

Joseph Beuys. Un artista tra ambiente e visione in mostra a Palermo

Di Rosario Mascia

Una personalità eccezionale che ha trattato con la sua arte temi che suonano ancora contemporanei e urgenti: l’ecologia, il rapporto tra essere umano e natura, la connessione tra pratica artistica e l’impegno sociale

Joseph Beuys (Krefeld, 12 maggio 1921 – Duesseldorf, 23 gennaio 1986), pittore, scultore, performance artist, insegnante, attivista è stato un protagonista dell’arte del secondo dopoguerra. A Beuys è dedicata la mostra Kontext Beuys che approda a Palermo dall’8 ottobre all’8 dicembre – inaugurazione giovedì 8 ottobre ore 12 – all’Haus der Kunst dei Cantieri Culturali della Zisa, dopo essere stata esposta nei mesi scorsi allo Stadtmuseum di Duesseldorf.

Beuys riservò fin dai primi anni Settanta un’attenzione profetica alle tematiche ambientali e di sostenibilità. Le sue pratiche artistiche vedranno un progressivo consolidamento della consapevolezza ecologica, sempre associata a una concezione di rigenerazione ambientale in senso più ampio. Nella sua visione, uomo e ambiente sono inscindibili e interdipendenti.

Attraverso grafiche, poster, diagrammi e acquerelli provenienti dalla collezione dello Stadtmuseum e da collezioni private, l’esposizione è il ritratto di una personalità eccezionale che ha trattato nella sua arte una serie di temi che, molti anni dopo, suonano ancora contemporanei e urgenti: l’ecologia, il rapporto tra essere umano e Natura, la volontà di istituire una connessione diretta tra la pratica artistica e l’impegno sociale, la “soziale Plastik” scultura sociale, ma anche concetti come “Freiheit” libertà, “Kreativitaet” creatività, “Waerme” calore, e “Identitaet” identità. In mostra si ritrovano condensate le testimonianze del rapporto controverso con l’Accademia di Belle Arti di Duesseldorf, inclusi appelli alla solidarietà e i documenti sulla fondazione della “Freie Internationale Universitaet”; gli inviti elettorali per il partito dei “Verdi” da lui fondato, documenti sul suo impegno civile, ad esempio per l'”Organizzazione per la Democrazia Diretta”, diagrammi su come rovesciare la “tirannia dei partiti tedeschi”: tutte idee espresse attraverso grafiche, incisioni, disegni, oggetti.

Al tempo stesso Kontext Beuys intende indagare e dimostrare le tracce del pensiero di Beuys nell’arte contemporanea e trasportare il suo pensiero nel presente. In quest’ottica alcuni artisti contemporanei provenienti da diversi ambiti e generazioni sono stati inviati a produrre opere di qualsiasi tecnica e linguaggio che possano dialogare con quelle di Beuys, nell’allestimento presentato all’Haus der Kunst. Sono Andrea Cusumano, Adriano La Licata, Federico Lupo, Blanca Matias, Giulia Sofi gli artisti scelti, che attraverso installazioni, video, performance, relitti, interpretano beuysianamente il loro lavoro e processo artistico.